gmail-logo

Servizi di posta elettronica: Gmail

Servizi di posta elettronica: Gmail

gmail logo 300x300 Servizi di posta elettronica: GmailDopo aver preso visione di una panoramica generale sull’importanza di una casella di posta e aver osservato da vicino il funzionamento di Hotmail, il servizio di posta di Microsoft, andiamo ora a fare conoscenza con una delle realtà maggiormente apprezzate e vincenti all’interno del settore della posta online, la casella di Google: Gmail.

Dopo una fase di beta testing conclusasi all’inizio del 2004, le prime caselle di posta griffate Google hanno preso vita nei mesi immediatamente successivi, con un’iniziale capacità di 1 GB di spazio per l’archiviazione. Nel corso degli ultimi sei anni, il servizio si è sviluppato in più direzione, fornendo, ad oggi, uno dei più completi mail service sul mercato. Attualmente, non è tecnicamente possibile definire la capacità di archiviazione all’interno di una casella Gmail, in quanto, come è possibile osservare nel momento del login, lo spazio è in continua crescita, con un trend di incremento di 4Kbyte al secondo, per una approssimativa quantificazione in poco più di 7 GByte e mezzo di spazio allocabile.

Se questo importante spazio di storage per le vostre mail non dovesse bastarvi, Google permette di aumentare ulteriormente le dimensione della vostra casella di posta, a pagamento, fino a 20GB, o, per i più bisognosi di ampie capacità di memorizzazione, fino a 1 TByte, condiviso con Google Picasa, il servizio cloud di hosting di immagini di Google.

Senza dubbio, se passate da una qualsiasi altra casella di posta, a Google Mail, non potrete non notare una prima importante differenza: il sistema di archiviazione dei messaggi è completamente differente. La posta in arrivo, infatti, sullo stesso concept che è stato ripreso anche da una fortunata casa produttrice di telefonini, Apple, viene organizzata a conversazioni e non con una più tradizionali lista di mails in entrata. Questa soluzione consente di tenere più ordinata la posta in arrivo; vediamo come funziona il sistema. Di fatto, è relativamente semplice sia capire come i messaggi vengano raccolti, sia quanto questo fatto aumenti l’ordine nelle conversazioni. Nel momento in cui riceviamo più emails dallo stesso contatto, facenti parte di una “discussione”, ovvero di una catena di messaggi inviati in risposta l’uno all’altro, Gmail raggrupperà la “conversazione”, permettendo la visualizzazione del numero di messaggi al lato del nome del mittente e creando una sequel di lettere una sotto l’altra, scorribili come un menù. Lo stesso procedimento avviene nel caso in cui uno stesso messaggio venga inoltrato a più destinatari, le risposte dei quali verranno rinchiuse in un unico insieme.

La pubblicità su Gmail è molto molto discreta, tanto che spesso non si ci fa nemmeno caso. Questo perché Google ha rifiutato l’idea di inserire nelle sue caselle di posta indiscreti pop up che disturbano la navigazione; in più, grazie ad un filtro apposito, il sistema elimini in automatico lo spam, lasciando solo pubblicità “pulite”.gmail logo cloud 300x300 Servizi di posta elettronica: Gmail

Sulla sinistra, troviamo una comoda chat per interagire in maniera più diretta con tutti i nostri contatti online e, poco più sopra, etichette personalizzabili dall’utente per inserire tutti i messaggi di un determinato argomento in un’unica “scatola”; peraltro, grazie allo spazio relativamente infinito messo a disposizione da Google, difficilmente saremo costretti a cancellare emails, che possono essere così catalogate e ordinate secondo il modello che più preferiamo.

Andremo ad analizzare nel dettaglio alcuni servizi più avanzati di Gmail in questo articolo, lasciandoci per ora con i brevi consigli ed una prima panoramica della casella di posta di Google.



3 Commenti a Servizi di posta elettronica: Gmail

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Gli ultimi articoli