Gmail: Posta prioritaria e filtro antispam

Gmail: Posta prioritaria e filtro antispam

Effettuata una panoramica generale sui servizi di posta elettronica e dopo aver dedicato qualche minuto per approfondire la nostra conoscenza, prima di Hotmail, la casella offerta da Microsoft e poi di Gmail, andiamo ora proprio ad entrare nel dettaglio delle funzionalità del servizio di posta offerto da Google.

Precedentemente, era stata effettuata una ripresa dall’alto delle funzioni di Gmail, con riferimento alla grafica, al metodo di raccolta delle conversazioni e delle emails, fino ad arrivare allo spazio disponibile.

La ricerca all’interno della casella di posta si è dimostrata molto efficace; dopotutto, come poteva essere diversamente, visto che funziona in maniera analoga all’engine di ricerca di Google. Ad esempio, per trovare le parole “autodromo, automobile, automa” all’interno di Gmail, è necessario inserire tutte e tre le chiavi di ricerca, volendo separate da “OR”, e non solo la parola “auto” pur compresa in tutti i termini sopra elencati. La ricerca è, inoltre, estendibile anche al web.

Dal momento in cui le emails sono indicizzate in maniera efficace, dalla ricerca di una parola scaturirà il rinvenimento non solo dei messaggi che contengono la chiave immessa nell’oggetto, nel mittente, nel destinatario, ma anche, nel messaggio stesso del testo. Le opzioni di ricerca, richiamabili a destra della barra, sono molteplici e consentono l’impostazione di svariati fattori, dalle parole singole, alla ricerca di messaggi con allegati, fino alla specificazione della presenza o meno di allegati nella lettera.

Come quello di Hotmail, anche il filtro antispam di Gmail è veramente molto funzionale. Il numero di messaggi che “filtrano” dalle maglie del controllo è molto esiguo, per non dire prossimo allo zero. Può capitare che messaggi importanti finiscano per errore nella posta indesiderata, quindi, per sicurezza, prima di fare un bel “Elimina tutto”, meglio sempre prestare un occhio al contenuto.

La chat permette non solo una comunicazione scritta, ma anche a voce, previa installazione di un apposito plug in scaricabile dai componenti aggiuntivi dei browers, tranne che per Google Chrome, che non necessita di ulteriori estensioni. Gmail salva tutte le conversazioni, navigabili come la posta, tramite la barra di ricerca.

Quando ci accingiamo a scrivere un nuovo messaggio, si attiva la funzione di salvataggio automatico, che crea una copia del nostro testo nell’apposita etichetta “Bozze”, ogni pochi secondi, per non rischiare di perdere dati in caso di blackout o altri problemi al computer. Per quanto concerne gli allegati, il caricamento – per i browser che supportano plug in Flash di Adobe – è molto semplice ed è possibile uploadare più files in contemporanea, tenendo sempre sotto controllo lo stato di avanzamento, tramite barre di progresso.

Ultima funzione proposta da Google, in tempi relativamente recenti, da appena un paio di mesi, è il servizio di “Posta Prioritaria”. Preso a nolo il nome dall’omonimo servizio delle Poste Italiane, poco ha a che fare con quest’ultimo, dal momento in cui quello di Gmail, riguarda l’organizzazione del messaggi. Se viene attivato, infatti, la posta in arrivo verrà indicizzata con un criterio di importanza e non cronologico; in  base ai messaggi che Gmail nota che apriamo più spesso, effettuerà la classificazione, sulla quale è sempre possibile intervenire tramite due pulsanti in alto “Segnala come importante” e “Segnala come non importante”. Un notevole vantaggio per tutti coloro che utilizzano un’unica casella di posta per la gestione di più profili su internet o per comunicazioni di differente natura, potendo subito distinguere le emails importanti, dalle newsletters o pubblicità di siti che non rientrano nella categoria dello spam.

Per concludere la panoramica sulla casella di posta di Google, andremo infine a vedere qualche dritta per usufruire appieno delle potenzialità di Gmail in questo articolo.



1 Commento a Gmail: Posta prioritaria e filtro antispam

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ultimi articoli