Nemici del computer: la polvere

Nemici del computer: la polvere

In un precedente articolo avevamo osservato come migliorare la durata della batteria del nostro computer portatile e susseguentemente, in questo pezzo, ci eravamo soffermati su quali precauzioni fosse meglio prendere per allungare la vita delle componenti soggette a temperature elevate in forza della compattezza dei sistemi notebook, netbook o all-in-one.

Sempre volendo ricalcare il medesimo percorso, andremo ora a prenderci cura del nostro computer sotto l’aspetto della manutenzione fisica dell’hardware, individuando situazioni comuni nelle quali non è raro trovarsi e in cui è assolutamente necessario prestare attenzione a come e dove utilizziamo il portatile.

Alla luce di quanto detto, abbiamo imparato come rendere più duratura la batteria ed evitare di esporre il nostro sistema ad alte temperature. Ora stiamo per affrontare uno dei nemici più letali e difficili da contrastare per i notebook: la polvere.

Eliminare la polvere

Come ben sappiamo, la polvere, materia costituita da particelle di dimensione tra 0.25 e 500 micron, aleggia nell’atmosfera e si poggia sul suolo, ma anche sul nostro computer. Finché si posa sopra la tastiera o il monitor non ci sono grandi problematiche. Per entrambi, in fatti, è possibile utilizzare un panno morbido che non rilasci pelucchi e otterremo un risultato soddisfacente. Se sul display sono presenti macchie, non usate agenti sgrassanti o normali prodotti per la pulizia del vetro, ma appositi spray che al costo di pochi Euro preserveranno il vostro computer.

Problema ben più grave si verifica nel momento in cui la polvere attacca i componenti interni. La via d’accesso al cuore del portatile è, ovviamente, la ventola. Questa funge da aspiratore e necessariamente particelle di sporco della scrivania verranno inghiottite. Proprio per questa ragione, è assolutamente sconsigliato appoggiare il computer sul pavimento, se non volete che diventi un piccolo aspirapolvere. Per ovviare al problema, verrà a configurarsi come necessaria un’operazione di pulizia manuale, da eseguirsi periodicamente, per nettare le pale della ventola, che, se troppo sporca, finirà per rovinarsi e perdere in efficienza, portando il sistema ad un riscaldamento sempre maggiore. Per pulire la ventola è sufficiente svitare il supporto inferiore del vostro computer laddove è localizzata la presa d’aria; eseguita questa operazione, con un pennellino spazzolate le pale. In pochi colpi, vedrete come la vostra ventola tornerà a rispendere. Potete utilizzare anche una bomboletta ad aria compressa: sono in vendita a pochi Euro in tutti i ferramenta e potrebbe venirvi bene non solo in altre occasioni, ma anche per dare una bella ripulita agli anfratti del vostro computer desktop, anche questa un’operazione da eseguire almeno due volte all’anno. Piccolo inciso: la pulizia del sistema cosiddetto “fisso” tramite aria compressa è molto semplice. La polvere, specie se avete il case sempre aperto, si annida tra i cavi e negli angoli, oltre che nella ventola, sia aggiuntiva, sia dell’alimentatore. Quando andate a pulire quest’ultima ricordate sempre di “sparare” l’aria tramite la cannuccia dall’interno verso l’esterno, per evitare che i bioccoli di polvere si ammassino sempre più in profondità. Mettetevi sempre all’aperto per dare una bella ripulita al sistema, su un balcone o in giardino: guardate il video sottostante e capirete il perché.

Per i notebook, invece, tornando in argomento, è sempre preferibile l’utilizzo di un pennello in conseguenza della ridotta dimensione delle pale della ventola, che tramite aria compressa (bomboletta o compressore) potrebbero subire una pressione troppo forte.

Nel seguente articolo, andremo a vedere alcuni ulteriori trucchi per la manutenzione del nostro computer, sia con riferimento all’hardware, infine, al software, non prima di esserci soffermati ancora una volta su un altro letale nemico del nostro sistema: la condensa.



3 Commenti a Nemici del computer: la polvere

  1. ildandi65

    mai visto un case con tutta quella polvere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ultimi articoli