Accessori per il gaming: keyboard

Accessori per il gaming: keyboard

Abbiamo in precedenza esaminato prima come un mouse possa aumentare l’abilità e le prestazioni di un giocatore e successivamente abbiamo osservato da vicino due modelli di casa Logitech studiati appositamente per il gaming. E’ giunto quindi il momento di concentrare la nostra attenzione su un’altra periferica, importante tanto quanto il mouse: la tastiera.

Chi si sta in questo momento immaginando la classica “Qwerty” da ufficio, probabilmente resterà sorpreso da quanto una periferica studiata, in teoria, solo per scrivere possa regalare in termini di sensazioni e comodità. Partendo proprio dalla disamina della costruzione, generalmente le tastiere pensate per il gaming non si differenziano quasi in nulla rispetto alle loro “colleghe” da ufficio per quanto riguarda il corpo centrale. Le differenze rilevanti si riscontrano nelle dimensioni, più estese in lunghezza, figlie del fatto che, posto sul lato sinistro, vi è un ulteriore pannello con tasti speciali. A cosa servono? Questo lo decide il player. Alcuni giochi online, MMORPG come World of Warcfraft soprattutto, o in minore entità, RTS come Starcraft, necessitano la pressione di numerose combo di tasti per richiamare l’incantesimo o la squadra di unità adatto a far cambiare le sorti del match in nostro favore; la possibilità di configurare un singolo tasto per ripetere in automatico combo per le quali servono un numero elevato e ripetuto di pressioni, ci darà un vantaggio nei confronti dei nostri avversari sprovvisti una tastiera per il gaming quasi determinante.

Oltre a un numero anche notevole di tasti configurabili dall’utente (fino a 54 per un modello non recentissimo come la G15 Logitech), altre features ci faranno tornare molto difficile riabituarci ad una tastiera normale dopo l’utilizzo di un modello più evoluto. Avete presente quella fastidiosa luce della lampada che vi illumina in questo momento le mani che corrono sui tasti? Oppure, i ripetuti colpi di “DEL” perché, al buio, sbagliate carattere? Con una tastiera da gamer potete scordarvi entrambe le cose. Infatti ogni modello vanta di una tanto comoda quanto geniale retroilluminazione, spesso graduabile e modificabile per non affaticare o infastidire lo sguardo, che facendo risaltare i tasti nel buio della vostra stanza, da un lato permetterà una consistente riduzione dei consumi, dall’altro migliorerà di riflesso le prestazioni del vostro monitor.

Prima di addentrarci nello studio da vicino dei modelli più recenti in questo campo, prestiamo attenzione a due ulteriori funzionalità diffuse su quasi tutte le tastiere per il gaming. La prima, di stampo meccanico e poco appariscente, ma sicuramente utile, consiste in uno switch che consente di isolare dal circuito stampato i due tasti che riducono ad icona i programmi in esecuzione, per mostrare il menù Start di Windows: niente più missclick che ci trascinano di forza al dextop durante battaglie campali! Infine, peculiarità propria solo di alcuni modelli evoluti, ma molto simpatica, è la presenza di un display LCD sulla tastiera, centrato sopra i tasti F (1,2,3 ecc), che consente di osservare dati a scelta dell’utente, che spaziano da mere informazioni relative alle partite in corso (risorse, munizioni, armi) fino a più generali dettagli quali data, ora, RAM utilizzata e così via.



3 Commenti a Accessori per il gaming: keyboard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ultimi articoli