Migliorare l’efficienza della rete domenistica

Migliorare l'efficienza della rete domenistica

Non troppo tempo addietro avevamo tracciato un profilo base delle reti wifi domestiche, dapprima concentrando la nostra attenzione sulla realizzazione dell’infrastruttura, con riferimento all’hardware ottimale per ottenere prestazioni elevate, e, susseguentemente, prestando un occhio di riguardo alla configurazione del sistema dal lato software.

Avevamo, inoltre, accennato, pur brevemente, ad alcune delle problematiche più diffuse delle reti domestiche e proposto delle soluzioni agli inconvenienti più frequenti che si possono venire a creare.

Ci troviamo ora a riprendere parzialmente quanto esposto in precedenza, analizzando più dettagliatamente una serie di situazioni e di oggetti che possono creare disagio a livello di qualità del segnale o presenza dello stesso e alla nostra connessione ad internet, ottenuta tramite la nostra rete domestica.

La rete domestica, brevemente ricordiamo, è composta, in un asset di base, da un router wifi, solitamente a connettività 802.11 b/g, che invia il segnale, in uscita, a tutte le periferiche nel suo raggio d’azione, quindi è rilevabile da tutti i computers, consoles e cellulari dotati di schede di rete, che si trovino a distanza più o meno contenuta. In ingresso, riceve il segnale Internet direttamente dal vostro Internet Service Provider.

Visto schematicamente l’impianto, è il momento di andare a vedere cosa fare per migliorare la nostra connessione ad Internet, prendendo alcune precauzioni relativamente semplici, per le quali bastano pochi spiccioli, o un po’ di attenzione aggiuntiva. Il segnale wifi è limitato, infatti, da oggetti di uso comune che, talvolta inavvertitamente, ci troviamo a frapporre nel raggio d’azione del nostro router, incidendo in maniera particolarmente negativa sulle prestazioni della rete.

I principali fattori che riducono la potenza del segnale, limitando la copertura sono:


Pareti portanti: soprattutto se abitate in una casa con spessi muri di pietra, più antica, o costruita più recentemente in cemento armato, questo potrebbe essere un problema; nei limiti del possibile cercati di evitare i muri portanti della vostra residenza, per non incappare in ostacoli che possono ridurre il segnale quasi a zero.

Strutture in metallo: come consigliato anche nella maggior parte dei programmi del router, grandi superfici metalliche possono del tutto schermare il segnale. Fate quindi attenzione a non interporre mobili di questo materiale tra il router e i destinatari del segnale.

Forni a microonde: l’elettrodomestico nemico numero 1 del nostro router. Spesso la frequenza è determinante. I piccoli forni di solito, come la maggior parte dei supporti per la casa, operano a 2.4Ghz. Per ovviare al problema, posto che dobbiamo continuare a prepararci il pranzo, meglio deviare su un acquisto di un router a 5Ghz, per evitare contrasti.

Telecamere wireless: se per la protezione della vostra casa adoperate telecamere che trasmettono in modalità wireless le immagini riprese, attenzione perché spesso si creano incompatibilità col la nostra rete domestica.

Ripetitori video: attenzione anche al canale e alla frequenza dei ripetitori che fanno rimbalzare il segnale video da una stanza all’altra. Non è raro, infatti, che si creino interferenze, controllate, pertanto, il canale, sia del router che del trasmettitore, per evitare sovrapposizioni.

Mouse e tastiere: abbiamo a lungo parlato di mouses e tastiere e sempre mi sono espresso in direzione di periferiche rigorosamente dotate di cavo. Dal momento in cui preferiamo avere una connessione ad internet stabile, piuttosto che un cavo USB in meno, meglio evitare sistemi wifi che potrebbero creare conflitti con la nostra rete domestica.

Telefoni cordless: spesso si creano sovrapposizioni tra questi apparecchi sulla frequenza a 2.4Ghz, quindi, se riscontrate problemi, provare a controllare che non sia colpa del telefono di casa.

Una prima manciata di consigli circa gli oggetti che più comunemente inficiano in maniera pesantemente negativa sulla nostra rete; in questo articolo, invece, andremo ad esaminare più nel dettaglio cosa possiamo fare per ovviare a problemi di connessione laddove, magari, è difficile o addirittura impossibile rimuovere uno o più degli ostacoli visti sopra.



2 Commenti a Migliorare l’efficienza della rete domenistica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ultimi articoli