PlayStation Network: riflessioni e sedicenti novità

PlayStation Network: riflessioni e sedicenti novità

“Il PlayStation Network funziona?!” “No ancora no..”.

Conversazione tipo che intrattengo con mio fratello quando torna da scuola e, ormai da giorni, mi ripete sempre la solita domanda. Aggiungendo poi una serie di improperi contro Sony ed esprimendo tutta la sua frustrazione per un disservizio che lui, da giovane studenti liceale in erba, non riesce proprio a concepire.

In verità, comincio a non capirlo più neanche io. Intendiamoci, per quanto possa aver seguito la problematica da distante, cercando di districarmi solo raramente all’interno della giungla di articoli online, alcuni dei quali di dubbia qualità, nella migliore delle ipotesi, per non dire, addirittura, in altri casi, contenenti informazioni decisamente inventate di sana pianta, per sperare di catturare qualche clicks sui banner,  ho ripercorso una storia degli accadimenti al PSN basandomi soprattutto sulle informazioni ufficiali di Sony, notando ben più di una contraddizione un paio di punti che rimaranno insoluti, se non per pochi eletti.

Ok, hanno avuto un problema abbastanza serio a livello di “sicurezza”; a distanza di pochi giorni, emerge una verità più inquietante, cioè si diffonde la notizia del furto, ad opera di ignoti, di decine di milioni di informazioni riservate, dai dati anagrafici, fino alle password e agli indirizzi email – guai a chi non ha ancora provveduto a cambiarla, nel caso usi la stessa per più applicazioni – non senza dimenticare, dettagli alla fine, i numeri delle carte di credito e le date di scadenza, attenzione attenzione, con l’esclusione del cvv: ora, devo farvi una lista di siti internet da cui si può comprare tramite Visa senza l’inserimento del codice di verifica? Ma in Sony, pensano che la gente sia scema? E poi, ma che diavolo significa “problema di sicurezza”? Capisco un furto di dati, capisco un’intrusione volta a danneggiare il sistema, nella sua componente software, capisco forse perfino che si possa essere arrivati prossimi a non poter più materialmente utilizzare i server, ma – maledizione – stiamo parlando di Sony! Non avevano un back up? Non sono in grado di rimettere su un sistema per il gaming online che sta facendo guadagnare loro una barcata di soldi, anche imponendo ai tecnici, si spera qualificati, lavoro giorno e notte? Ma lo stanno a riscrivere da capo questo PSN? Manco un .txt con le stringe salvato sul desktop del PC del gran capo avevano?


Parliamo delle news, dopo queste mie riflessioni. Già.. facile.. se cercate su Google, trovate almeno sei articoli nettamente contrastanti, pubblicati proprio oggi: chi scrive che Sony ha annunciato la fine della manutenzione e che il sistema verrà ripristinato il 30 Maggio (IL TRENTA MAGGIO?! E nel frattempo che diavolo fanno? Si sbronzano di sake per festeggiare?!) e altri che invece affermano che non ci siano ancora date ufficiali. L’unica cosa certa è che Sony dovrà, per tenere alto il nome della Società nel mondo, rifondere i giocatori e gli sviluppatori. Se per i primi, almeno negli USA, si parla di un gioco gratis, selezionabile all’interno di una lista, più difficile da affrontare il discorso per i secondi, siccome il danno alle aziende produttrici di videogames, lo sviluppo dei quali, necessariamente, ha dovuto fermarsi un secondo per capire come si evolverà la situazione, sarà indubbiamente di grande rilevanza; per non parlare, poi, dei videogames in uscita nell’arco dell’ultimo mese, che non si sono visti nei negozi o, quando è andata male, ci sono rimasti, perché nessuno acquista un videogame per giocare online, quando l’online è in “manutenzione”.

Staremo a vedere, aspettando fiduciosi novità, anche se questa storia appare sempre più paradossale e surreale.



1 Commento a PlayStation Network: riflessioni e sedicenti novità

  1. marla

    Avrei una domanda… ma se mi si sputtana la ps3, tutti i giochi acquistati sul ps network vanno persi per sempre?
    Grazie per l’interessante articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli ultimi articoli